“Una piccola impresa meridionale”, “Gravity” e “Noi, Zagor”

unapiccolaimpresameridionale

SALA NIRVANA

UNA PICCOLA IMPRESA MERIDIONALE

16.00 – 18.00 – 20.00 – 22.00

Regia: Rocco Papaleo

115′

Trama: Un ex prete, don Costantino, viene confinato dalla madre, mamma Stella, in un vecchio faro dismesso, lontano da occhi indiscreti, per evitare che in paese sappiano che si è spretato. Mamma Stella, infatti, ha già un altro scandalo da affrontare: sua figlia Rosa Maria ha lasciato il marito, Arturo, ed è scappata con un misterioso amante. Il vecchio faro in disuso, che appartiene alla famiglia di Costantino e che dovrebbe garantirgli un isolamento, comincia ad attirare personaggi bizzarri, trasformandosi via via in un refugium peccatorum. Dopo l’ex prete arriva una ex prostituta, Magnolia. Poi il cognato cornuto, Arturo. Infine una stravagante ditta di ristrutturazioni chiamata per riparare il tetto del faro.Una commedia di equivoci e colpi di scena che conquisterà gli spettatori dal primo istante. La piccola impresa meridionale è nel miracolo che si compie: la riparazione di un edificio, infatti, può diventare l’inizio di una ricostruzione più profonda.

gravity

SALA OMBREROSSE

GRAVITY

16.00 – 18.00 – 20.00 – 22.00

Martedì 22/10 e Mercoledì 23/10: 16.00 – 18.00 – 20.00

Regia: Alfonso Cuaron

90′

Trama: Sandra Bullock è la brillante dottoressa Ryan Stone, alla sua prima missione a bordo dello Shuttle, mentre Clooney è Matt Kovalsky, un astronauta esperto al suo ultimo volo prima della pensione. Ma quella che sembrava una normale passeggiata nello spazio si trasforma in una catastrofe e lo Shuttle viene distrutto, lasciando Stone e Kowalsky completamente soli-collegati solo fra loro e fluttuanti nell’oscurità.

noizagorFILM EVENTO

AL CINEMA IL 22/10 E IL 23/10

ore 21.45

NOI, ZAGOR

Biglietti: Intero € 7.50 – Ridotto Aiace/Militari € 5 – Under 18/Over 65 € 4.50

Regia: Riccardo Jacopino

Documentario, 70′

Il racconto filmico si articola attraverso le parole di autori, sceneggiatori, disegnatori, critici, fan e lettori. Ripercorre la storia di Zagor. Dal 1961 – quando Sergio Bonelli e Gallieno Ferri pieni di idee ed entusiasmo iniziano a dare vita al personaggio – fino ad arrivare ai giorni nostri. Un presente che sotto la lente attenta del curatore Moreno Burattini vede ancora Zagor, come un grande protagonista della foresta di Darkwood, teatro principale delle sue avventure. Di Zagor, in questo film-documento, si raccontano le suggestioni e le influenze che innescano il suo processo creativo, i meccanismi che fanno nascere la complicità con i suoi lettori, i tratti che lo rendono universale, eroe epico o più semplicemente un compagno d’avventure. Si entra nella fabbrica di Zagor, nelle case di disegnatori e scrittori, nella redazione della Bonelli, dove impegno, accuratezza e passione sono gli elementi alla base del successo di ogni singolo albo. “Noi, Zagor” è un titolo che allude a una dimensione comunitaria. Una comunità, o meglio una tribù, che ha ancora tanta voglia di essere viva. Un’esperienza, di arte e di valori, lasciata in eredità dal grande e indimenticabile Sergio Bonelli.

Annunci