Programmazione dal 2/7

teneramentefolleTENERAMENTE FOLLE

16.15 – 18.00 – 19.45 – 21.30

Regia: Maya Forbes
90′ – Commedia/Drammatico

Fine anni ’70, un padre maniaco depressivo cerca di riconquistare la moglie accettando di badare a tempo pieno alle loro due giovani figlie. Ma le due scatenate ragazze non gli renderanno la vita facile. Tratto da una storia vera – è l’autobiografia dell’infanzia di Maya Forbes nella Boston degli anni ’70 – Teneramente folle è una storia divertente e commovente su come, a volte, in maniera del tutto inaspettata, genitori e figli possano arrivare a salvarsi a vicenda.


buonianulla_3BUONI A NULLA

16.15 – 20.00 – 21.40

Regia: Gianni Di Gregorio
Commedia – 87′

Presentato in concorso al Festival Internazionale del Film di Roma edizione 2014, il film “Buoni a nulla” è la quarta pellicola realizzata da Gianni Di Gregorio. Era il 2008 quando alla Mostra del cinema di Venezia stupì la critica e il pubblico con “Pranzo di Ferragosto”, vincendo il Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”, quindi il David di Donatello e un Nastro d’argento per la regia di un debuttante. Ora ritorna con un film corale, un po’ diverso dai precedenti per tematiche, ma lo stile resta sempre lo stesso così come lo sguardo sinceramente ironico e con la voglia di far ridere. Così come era successo con “Pranzo di Ferragosto”, il regista descrive e racconta un tratto della società italiana moderna.
Gianni è un impiegato pubblico della vecchia guardia e proprio a sei mesi dalla pensione viene colpito dalla Riforma delle pensioni del Ministro Fornero. Lui che ormai era in attesa della tanto sospirata pace, ora si trova a dover attendere ancora tre anni, cosa che accetta passivamente, ma il vero problema è ritrovarsi ad essere trasferito. La sua vita subisce quindi un radicale cambiamento che lo destabilizza procurandogli attacchi di panico e ansie che spingono la figlia e l’ex moglie ad andare a trovarlo. Per giunta la figlia vorrebbe che il padre le lasciasse l’appartamento e si trasferisse in un posto più vicino al lavoro. Solo il nuovo compagno della moglie capisce lo stato di Gianni e cerca di aiutarlo diventando una sorta di padre spirituale per metà psicologo. Il precetto medico è chiaro: “Gianni ti devi incazzare”.
Ecco quindi che dentro di lui scatta la molla, il timido, mite e gentile impiegato improvvisamente comincia a reagire alle angherie delle persone che lo circondano.La sceneggiatura, scritta a quattro mani con Pietro Albino Di Pasquale, descrive l’Italia dei “furbetti”, ma lo fa senza giudicare o condannare, solo con una simpatica allegria, c’è un’ironia garbata e mai greve.


earrivatamiafigliaÉ ARRIVATA MIA FIGLIA

18.00

Regia: Anna Muylaert
Drammatico – 110′

Val è una governante a tempo pieno che prende molto sul serio il suo lavoro. Indossa un’inamidata uniforme da domestica mentre serve tartine impeccabili, è al servizio dei suoi facoltosi datori di lavoro di San Paolo ogni santo giorno e accudisce amorevolmente il loro figlio adolescente fin da quando era in fasce, avendolo di fatto cresciuto lei stessa. Ogni cosa e ogni persona ha il suo posto nell’elegante abitazione, finché un bel giorno l’astuta e ambiziosa figlia di Val, Jessica, arriva dalla città natale della donna per fare i test di ammissione all’università. La presenza di Jessica, giovane risoluta e sicura di sé, spezza il tacito e tuttavia rigido equilibrio di potere della casa e Val deve decidere in chi riporre il suo senso di lealtà e che cosa è disposta a sacrificare.


Annunci