Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è jokerhollywood-1.jpg

JOKER (V.M. 14)

Sala Nirvana: 16.10 – 18.30 – 21.15
(mercoledì 16/10: 16.10 – 18.30)
Sala Ombrerosse: 22.00 (V.O.S.IT.)

ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO ONLINE

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è joker.jpg

Regia: Todd Phillips

Arthur Fleck vive con l’anziana madre in un palazzone fatiscente e sbarca il lunario facendo pubblicità per la strada travestito da clown, in attesa di avere il giusto materiale per realizzare il desiderio di fare il comico. La sua vita, però, è una tragedia: ignorato, calpestato, bullizzato, preso in giro da da chiunque, ha sviluppato un tic nervoso che lo fa ridere a sproposito incontrollabilmente, rendendolo inquietante e allontanando ulteriormente da lui ogni possibile relazione sociale. Ma un giorno Arthur non ce la fa più e reagisce violentemente, pistola alla mano. Mentre la polizia di Gotham City dà la caccia al clown killer, la popolazione lo elegge a eroe metropolitano, simbolo della rivolta degli oppressi contro l’arroganza dei ricchi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è leone_doro_mostra_del_cinema.png



LEONE D’ORO VENEZIA 2019


LOU VON SALOMÉ

Giovedì 10/10: ore 20.00
Da Venerdì 11/10: 15.15 – 20.00

Regia: Cordula Kablitz-Post
Biofrafico, 103′

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è salome.jpg

Gottinga, 1933. Lou von Salomé, celebre filosofa, scrittrice e psicanalista, vive reclusa in casa da quando i nazisti bruciano i libri in piazza e proclamano la psicanalisi una scienza ebraica illecita. Ma alla sua porta bussa Ernst Pfeiffer, germanista in crisi professionale e coniugale, che sollecita il suo aiuto. Lou decide di assisterlo in cambio di una lunga confidenza. Quasi cieca a causa del diabete, detta a Ernst le sue incredibili memorie. Comincia allora il racconto di un’esistenza romanzesca e tormentata che debutta nella comunità tedesca di San Pietroburgo, consuma relazioni travolgenti con Nietzsche, Rilke e Freud e celebra una vita intellettuale spesa tra il XIX e il XX secolo. In faccia agli uomini e armata di una fede incrollabile nella condivisione delle idee, Lou von Salomé conserverà la propria indipendenza per inventare il suo (grande) destino.


C’ERA UNA VOLTA A HOLLYWOOD

Sala Ombrerosse: 17.15

ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO ONLINE

Regia: Quentin Tarantino
Drammatico, 161′

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è untitledquentintarantinoproject.jpg

Los Angeles, 1969. Sharon Tate, promettente attrice americana e sposa di Roman Polanski, è la nuova vicina di Rick Dalton, star della televisione in declino. Dalton condivide la scena con Cliff Booth, stuntman che si è fatto (e rotto) le ossa nei western girati a Spahn Ranch. Controfigura e chauffeur di Dalton, Cliff vive in una roulotte con una cane disciplinato e fedele proprio come lui che da anni ammortizza le cadute e i rovesci dell’amico. E l’ultimo scacco costringe Rick e il suo doppio a traslocare dall’altra parte dell’oceano per girare un pugno di spaghetti-western. Sei mesi e una moglie (italiana) dopo, Rick e Cliff tornano a Los Angeles dove li attende la notte più calda del 1969.